Oscar 2017 i vincitori del premio più ambito del cinema

oscar 2017

Oscar 2017: i vincitori del premio più ambito del cinema

Oscar 2017: vediamo chi sono i vincitori del premio del cinema più ambito, dell’edizione 2017.

Gli Oscar 2017 sono stati consegnati a Los Angeles anche quest’anno, come tutti gli anni, in un clima di sfarzo ed eleganza. Tanti hanno partecipato sfilando sul famoso red carpet, ma il senso più bello di tutto ciò, naturalmente, è sempre dato dai premi, anche dietro qualche gaffe, quest’anno parecchio evidente, legata proprio al premio principale. Il premio più importante, quello per il Miglior film, era stato inizialmente assegnato al film La La Land: solo dopo qualche minuto confuso di stupore, mentre il cast e i produttori del film annunciato come vincitore facevano i ringraziamenti sul palco, la loro gioia è stata interrotta quando sono salite le due persone che conoscono i vincitori degli Oscar prima della cerimonia. A causa di un errore nella consegna della busta col nome del vincitore a Warren Beatty e Faye Dunaway, che dovevano annunciare il vincitore, il premio è stato assegnato al film errato, in seguito consegnato a Moonlight.

A parte l’errore legato proprio al premio più importante, La La Land ha avuto buoni riscontri e ha vinto ben sei premi Oscar, tra cui alcuni dei più importanti (quelli per la Miglior regia, per la Miglior fotografia e per la Miglior attrice Emma Stone, per esempio) ma non ha ottenuto il risultato sperato, tenendo presente che aveva 14 nomination e ha mancato il premio più ambito del mondo del cinema. È andato molto bene Moonlight, vincitore di tre statuette. Ottime soddisfazioni anche per Manchester by the sea e per La battaglia di Hacksaw Ridge, che hanno vinto due premi per uno. Fuocoammare di Gianfranco Rosi non ha vinto il premio Oscar per il Miglior documentario, a cui era candidato. Anche gli italiani erano in corsa per dei premi, e hanno avuto soddisfazione: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini si sono aggiudicati il premio per il Miglior trucco e acconciatura col film Suicide Squad, mentre il regista iraniano Asghar Farhadi non ha ritirato il premio Oscar per il Miglior film straniero (Il cliente)  per protestare contro il “muslim ban” approvato dall’amministrazione Trump, che ha definito «disumano». Dunque, colpi di scena e più o meno soddisfazione alla notte degli Oscar 2017…

Vedremo cosa accadrà nella prossima edizione!